Trasferirsi a Londra: una lista delle cose da considerare prima di partire

Luca Bernardini
Commenti disabilitati su Trasferirsi a Londra: una lista delle cose da considerare prima di partire

Trasferirsi a Londra non è una scelta semplice. E, chi lo pensa, probabilmente non ha capito a cosa si va incontro. Non stiamo affatto dicendo che non bisogna farlo o meno. Ma, sicuramente, presenta dei pro – molto spesso ben visibili – e dei contro, che sono in gran parte ‘nascosti’. Ma quali sono le cose da sapere prima di trasferirsi a Londra?

Innanzitutto, questo è lampante, ma è sempre ribadirlo: c’è la Brexit. Le conseguenze? Ovviamente non possiamo saperle nel dettaglio. Però bisogna capire che le cose cambieranno inevitabilmente. Nel bene o nel male non lo sappiamo. E non sarà sicuramente così semplice approdare nel Regno Unito. Che ci piaccia o no. È necessario, quindi, essere aggiornarti e far sì che non si commettano errori come, magari, provare a entrare senza passarti.

Un altro aspetto da valutare è il costo della vita. Quante volte abbiamo sentito che “a Londra un cameriere prende più di 1000 pound al mese?”. Tutto vero, formalmente in questa affermazione non c’è nulla di sbagliato. È esattamente così. Anche se sei alla prima esperienza, il tuo stipendio da cameriere non sarà mai sotto i 1000 pound mensili. Anzi, tenderà più verso i 1500 che i 1000. E, allora, dov’è l’inghippo? L’inghippo è il prezzo dei beni di prima necessità nella capitale inglese. Come spesso succede, quando lo stipendio è ‘troppo’ più alto ad altri paesi, tutto si allinea con il costo della vita. Prova a chiederlo a chi a Londra ci ha vissuto, a chi ci è stato in vacanza. O, se non conosci nessuno, puoi farti semplicemente un giro sul web.

E, oltre al CoronaVirus, è proprio questo uno dei motivi per cui spesso gli italiani, dopo essersi fatte le ossa, emigrano da un’altra parte.

Altra cosa fondamentale da sapere quando si visita Londra o comunque città fuori dall’Italia è l’inglese. Imparando questa nuova lingua sarai in grado di gestire ogni tipo di comunicazione, dalla più facile a quella più impegnativa. A tal proposito, posso consigliarti gli articoli di Efficacemente.com, che ti guideranno alla scoperta di questa nuova lingua. Senza inglese, non si va da nessuna parte oggi. Né tantomeno in Inghilterra.

È vero che il cambiamento climatico sta coinvolgendo tutto il mondo e nessuna area ne è esente, ma a Londra, almeno nel momento in cui si scrive, piove per parecchi giorni. Certo, rispetto a un tempo probabilmente le cose sono cambiate e negli anni continueranno a cambiare. Se, però, vieni da una regione del Sud molto calda, ad esempio la Sicilia, e sei abituata al sole splendente per diversi mesi l’anno, beh, rassegnati. Non si può avere tutto e difficilmente in UK avrai quel tempo.

E, proprio con la Sicilia ci colleghiamo a un altro aspetto importante. La Sicilia (così come tantissime regioni d’Italia, anzi, praticamente tutte) hanno un patrimonio gastronomico di secoli, millenni. Un patrimonio che non ha Londra, nonostante abbia una storia che dura da secoli. È un po’ il cruccio di questa grande città: tanta accoglienza, almeno fino a ora, che, però, ha forse finito di far perdere a essa la sua identità. Non si ricordano piatti tipici londinesi famosi in tutto il mondo (come potrebbe essere la pizza, la pasta, il babà, il cannolo e tantissimo altro). Ecco, dimentica tutto questo e, se sei di bocca buona, almeno finché non ti abitui presto potresti avere dei problemi.

Non devi dimenticare nemmeno l’alta competizione lavorativa. Non stiamo parlando del fatto che i lavoratori possano farsi le scarpe l’un l’altro. Ma del fatto che a Londra ci sono persone di tutto il mondo, che parlano 3 o 4 lingue, che hanno delle competenze e delle professionalità altisonanti. Pensa, ad esempio, a chi viene dall’India o dalla Cina. Per poter, quindi, pensare e sperare di avere una svolta dal punto di vista professionale è quello di non andare impreparati. Capire quali sono le proprie lacune e provare a limarle o, quantomeno, a renderle meno evidenti. 

Sicuramente ci saranno altre cose da sapere se vuoi vivere a Londra ma questi piccoli suggerimenti sono soltanto la base di partenza. Per poter cogliere tutte le opportunità che la ‘City’ propone a tutti i cittadini che vogliono coglierle.