Le città da vedere: architetture moderne

Con il forte aumento demografico che ha caratterizzato il ventesimo secolo abbiamo assistito ad un mutamento nello stile architettonico nelle maggiori metropoli mondiali ed alla nascita di vere e proprie città in pochissimi anni.
L’obbiettivo degli architetti era sicuramente quello di costruire elementi architettonici necessari a contenere l’esubero demografico, cercando inoltre di stupire l’osservatore con qualcosa di rivoluzionario e innovativo.

Le prime grandi opere le abbiamo viste in città dell’America del nord, come New York dove fino a qualche anno fa trovavamo il grattacielo più alto del mondo, l’Empire State Building. Non meno importanti Cloud Gate di Anish Kapoor nella Plaza del Millennium Park simbolo della città di Chicago e San Francisco con il suo Golden Gate Bridge. Infatti negli anni ottanta, sono state le prime città con strutture magistrali a livello architettonico.

Negli ultimi anni i più importanti architetti contemporanei hanno spostato i loro interessi nelle principali città asiatiche, tra le più importanti troviamo Dubai, Shangai, Hong Kong, Pechino…ecc, in quanto hanno trovato un’opportunità notevole di investimento, essendo fino agli anni duemila delle città poco sviluppate. Tra queste la metropoli che più ha impressionato è stata sicuramente Dubai dove troviamo un esempio eclatante di architettura con il Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo con i suoi quasi novecento metri di altezza.

Possiamo però trovare delle grandi opere di architettura moderna senza girare mezzo mondo, infatti l’Europa ne è ricca. Partendo da Berlino con la sua Kant-Dreieck, la grande vela in alluminio, simbolo della ricostruzione della città dopo la seconda guerra mondiale e divenuto simbolo della nuova Berlino; spostandoci a Copenaghen, città ricca di architettura, un esempio è il museo d’arte di Ordrupgaard, opera magistrale che ha acquisito un valore maggiore quando nel 2005 è stata revisionata dalla celebre e pluripremiata architetto Zaha Hadid.

Volando nell’Europa centrale, più precisamente a Vienna, possiamo trovare uno dei primi esempi di architettura moderna la Haas Haus, inserita perfettamente nel contesto storico della capitale Austriaca.

L’Italia purtroppo è un paese ancora poco sviluppato a livello di architettura moderna, anche se in ottica futura ci si aspetta molto, soprattutto dalla città di Milano, infatti pian piano si sta aprendo alla costruzione in stile contemporaneo, forse spinta dalla forte competizione Asiatica e Americana ormai divenuti veri e propri modelli per la costruzione di una metropoli moderna.
Aspettiamo quindi con ansia di vedere cosa ci riserveranno i prossimi anni.